IL TAU

FF 980     Nella città di Cori, nella diocesi di Ostia, un uomo aveva perduto completamente l’uso di una gamba, e non riusciva in alcun modo a camminare e a muoversi. Preso da un’angustia profonda e disperando dell’umano aiuto, cominciò una notte, come se vedesse presente il beato Francesco, a lamentarsi davanti a lui del suo stato: «Aiutami, san Francesco, nel ricordo del favore e della devozione che ho mostrato per te! Giacché ti ho trasportato sul mio asino, ho baciato i tuoi piedi e le tue sante mani, ti sono sempre stato devoto, sempre benevolo; ed ecco che io ora muoio per il tormento insostenibile di questo male!». Commosso da tali implorazioni, subito il Santo, memore dei favori ricevuti, apparve con un frate all’uomo che non poteva dormire. Disse che era venuto perché da lui chiamato a portare rimedio per la guarigione. Toccò la parte sofferente con un bastoncino, che recava su di sé il segno del Tau. Subito si ruppe l’ascesso e, ricuperata la salute, fino ad oggi è rimasta impressa in quella parte il segno del Tau. Con tale sigillo san Francesco firmava le sue lettere, ogni qualvolta o per necessità o per spirito di carità, inviava qualche suo scritto.

 

FF 1316   Nella città di Le Mans, una donna che , nel giorno della solennità di san Francesco, si era messa a lavorare stendendo la mano alla conocchia e le dita a stringere il fuso, sentì le mani irrigidirsi e un gran bruciore alle dita.

Quel castigo fu per lei come una lezione. Riconobbe la potenza del Santo e, tutta pentita, corse dai frati: mentre i figli devoti supplicavano la bontà del padre santo, la donna venne risanata.

Sulle sue mani non rimase alcuna lesione, salvo una traccia di bruciatura, come per ricordarle quant’era accaduto.

 

LEZIONE IX

FF 1347   Un frate di nome Pacifico, quando ancora viveva da secolare, incontrò il servitore del Signore, che stava predicando in un monastero vicino al Borgo di San Severino. Scesa la mano del Signore sopra di lui, vide Francesco segnato in forma di croce da due splendentissime spade, poste trasversalmente: una delle spade si stendeva dalla testa fino ai piedi e una si stendeva da una mano all’altra, attraverso il petto. Egli non conosceva Francesco di persona, ma lo riconobbe subito, dopo che gli fu mostrato per mezzo di quella visione miracolosa. Fortemente stupito, compunto ed atterrito dalla forza delle sue parole, venne, per così dire, trafitto dalla spada dello spirito che usciva dalla sua bocca e, disprezzati definitivamente gli onori vani del mondo, si unì al beato padre mediante la professione della sua stessa vita. In seguito, costui progredì in ogni forma di santità propria della vita religiosa e divenne ministro dell’Ordine in Francia – difatti fu il primo ad esercitare l’ufficio di ministro in quel paese. Ma, prima, meritò di vedere sulla fronte di Francesco un grande Tau, che spiccava per la varietà dei colori e rendeva maggiormente bella e adorna la sua faccia. Poiché bisogna sapere che l’uomo di Dio venerava questo segno e gli era molto affezionato, lo raccomandava spesso nel parlare; con esso dava inizio alle sue azioni e lo scriveva di propria mano sotto quei bigliettini che inviava per motivo di carità, quasi che tutto il suo impegno fosse, come dice il profeta, nel segnare il Tau sulla fronte degli uomini che gemono e piangono, convertendosi a Cristo sinceramente.

 

(DIZIONARIO FRANCESCANO)

(pag. 2003)

 

TAU

INTRODUZIONE

Il Tau è una lettera dell’alfabeto ebraico e di quello greco. Essa corrisponde alla lettera T del nostro alfabeto. Questa lettera come ha potuto diventare il supporto di una mistica e l’espressione della devozione per san Francesco? Per rispondere a questa domanda, bisogna studiare il comportamento di san Francesco, le influenze da lui subite e il contenuto che per lui ha questo simbolo

 

1.      Il comportamento di Francesco

C’è un fatto:Francesco utilizzava con frequenza a scopo di devozione il Tau: lo scriveva sui muri, sulle lettere, su se stesso. Familiare gli era la lettera Tau, fra le altre lettere, con la quale firmava i biglietti e decorava le pareti delle celle (3Cel 3:828). Con tale sigillo san Francesco firmava le sue lettere, ogniqualvolta o per necessità o per spirito di carità, inviava qualche suo scritto (3Cel 159:980). «Venerava questo segno e gli era molto affezionato, lo raccomandava spesso nel parlare; con esso dava inizio alle sue azioni e lo scriveva di propria mano sotto quei bigliettini che inviava per motivo di carità» (Legm 2,9:1347).

L’affermazione del Celano concernente la scritta del Tau sui muri, è confermata dall’archeologia: al tempo del restauro della cappella di santa Maddalena a Fonte Colombo fu rinvenuto nel vano di una finestra, dal lato del Vangelo, un Tau, dipinto in rosso, ricoperto poi con una tinta del secolo XV. Questo disegno risale allo stesso san Francesco .

Che san Francesco abbia segnato con il Tau le sue lettere, ne abbiamo due conferme scritte. La prima è costituita dalla Lettera a tutti i chierici. L’originale è andato perduto, ma se n’è scoperta una copia in un messale del monastero benedettino di Subiaco. Questo documento, trascritto tra il 1229 e il 1238, riproduce scrupolosamente alla fine il Tau con il quale san Francesco aveva segnato la sua lettera. La seconda conferma è l’autografo originale della benedizione per frate Leone, conservato nel Sacro Convento. Il destinatario ha avuto cura di precisare: «Fece lui di sua mano il segno del Tau con la sua base». E la seconda considerazione sulle Stimmate narra in quali circostanze Leone abbia ricevuto questa carta (Fior: 1907).

Su se stesso infine Francesco tracciava il segno del Tau per consacrare le sue azioni al Signore. Un tale senso ha la visione di fra Pacifico: «Scorse con gli occhi della carne sulla fronte del beato padre una grande lettera Tau, che risplendeva di aureo fulgore» (3Cel 3:828). Tale è anche il senso dato a questa visione dalla liturgia dell’ufficio della festa delle stimmate di san Francesco (17 settembre, II Vesp.).

 

2.      Bibbia e Vangelo

Quale origine ha questa devozione al Tau in san Francesco? Prima di tutto dalla Bibbia e principalmente dal celebre testo di Ezechiele (9,4): «Va’ attraverso la città, va’ attraverso Gerusalemme e traccia il segno del Tau sulla fronte di quegli uomini che sospirano e gemono a causa delle abominazioni che ivi si commettono». Questo passo era ben conosciuto dai fedeli: tutti i Padri della Chiesa l’avevano commentato ed era sviluppato dalla predicazione medievale. Francesco non poteva non esserne colpito. San Bonaventura mette espressamente in relazione il testo di Ezechiele con la missione di Francesco che consisteva, «secondo il detto del profeta, nel segnare il Tau sulla fronte degli uomini che gemono e piangono, convertendosi sinceramente a Cristo» (LegM 4-9:1079).

Che san Francesco abbia adottato il Tau come distintivo per se stesso, lo si deve alla forma stessa di questa lettera: la grafia del Tau è quella di una croce. Nessun simbolo era di poco conto o ridicolo agli occhi di Francesco per ricordare il suo beneamato Cristo; dal momento stesso che egli rispettava il verme della terra e proteggeva gli agnelli, così egli venerava il Tau che gli richiamava l’amore del Crocifisso. Per tal motivo egli voleva anche ricordarci che noi dobbiamo «realizzare quelle parole dell’Apostolo: coloro che sono di Cristo hanno crocifisso la loro carne con i vizi e le concupiscenze, e portare nel proprio corpo l’armatura della croce» (LegM 5,1:1086). Questo comportamento, tenuto da san Francesco, era meritevole in una epoca nella quale tutta una corrente catara o neo-manichea, rifuggiva dallo stesso segno di croce, considerandolo indegno dell’opera redentrice di Dio.

 

3.      Antoniani e Concilio

Può darsi che l’attenzione di Francesco per il Tau sia stata attirata dai suoi rapporti con gli Antoniani. Egli aveva iniziato la sua conversione mediante la cura ai lebbrosi (2 Test. 2:110); egli desiderava che i suoi frati «abitassero nei lazzaretti a servizio dei lebbrosi… ai postulanti… si diceva che era necessario servire ai lebbrosi e stabilirsi nei lazzaretti» (LegM 102:1658). Ora a Roma esisteva un lazzaretto nel quale san Francesco ospitava e soggiornava più di qualche volta: l’ospedale di Sant’Antonio (LegM 3,9-1063). Questo ospedale era tenuto dagli Antoniani, cioè dai frati ospedalieri di Sant’Antonio eremita, i quali portavano quale distintivo il Tau. Essi portavano in mano un bastone al quale si sovrapponeva un Tau ed avevano pure un grande Tau cucito sopra il loro abito. Il Tau degli Antoniani, che servivano ai lebbrosi, richiamava a Francesco amante dei simboli, «l’amore di Cristo, il quale volle per noi essere riputato lebbroso» (Fior 25:1857).

Se non si deve ampliare l’influsso degli Antoniani, tuttavia c’è un altro influsso che non corre il pericolo di essere esagerato: quello del IV Concilio Lateranense del 1215. Francesco ha assistito a questo concilio durante il quale il papa approvò la Regola del suo Ordine (Legp 67:1618). Ora il papa Innocenzo III l’11 novembre di quell’anno apriva il concilio con un discorso di un’ampiezza ammirevole che suscitò una grande eco. La seconda parte di questo discorso è un commento al capitolo IX di Ezechiele. Il papa fa proprie le parole di Dio al profeta ed egli pure si rivolge a ciascun membro del concilio: «Segna con un Tau la fronte degli uomini». Poi egli aggiunge: «Il Tau è l’ultima lettera dell’alfabeto ebraico ed ha la forma di una croce, tale quale si presentava la croce prima che fosse posto il cartello di Pilato. Uno porta sulla fronte il segno del Tau, se manifesta in tutta la sua condotta lo splendore della croce; si porta il Tau se si crocifigge la carne con i vizi e i peccati; si porta il Tau se si afferma: di nient’altro mi voglio gloriare se non della croce di nostro Signore Gesù Cristo… Chi porterà il Tau troverà misericordia, segno di una vita penitente e rinnovata nel Cristo… Siate dunque i campioni del Tau e della Croce!».

Questo è l’appello, inteso da Francesco e che influenzò profondamente la sua spiritualità: appello per una mobilitazione generale della cristianità, per una crociata di conversione e di penitenza. Egli volle dunque per obbedire al papa, segnare se stesso con il Tau della penitenza; egli volle, segnando i suoi frati, richiamare loro le esigenze della loro vocazione; egli volle con ciò segnare tutti i cristiani: la penitenza si fa maggiormente il tema favorito della sua predicazione, fatto questo constatabile nella Regola del 1221 (Rub 21,3.7.8;55) e nella lettera a tutti i fedeli (Lf 48:200; 63:203).

 

4.    Contemporanei

Il simbolismo del Tau era conosciuto molto prima di san Francesco: la cabala giudaica e i Padri della Chiesa l’avevano largamente diffuso. La devozione al Tau era praticata molto prima di san Francesco; essa potrebbe essere paragonata a quella che sarà suscitata più tardi dal JHS di san Bernardino da Siena. Il fervore popolare vedeva in essa un mezzo magico e miracoloso per essere preservati dalla peste e da ogni potenza diabolica. Lo si portava all’anello al dito o come amuleto al collo; lo si disegnava su pergamene contro la peste, lo si dipingeva sugli stipiti delle porte. Nell’anno 546, in occasione di una peste, il vescovo di Clemont in Francia organizzò una processione solenne. Lo storico Gregorio di Tour (contemporaneo dell’avvenimento) dice che subito apparve sui muri di tutte le case e di tutte le chiese «un segno che i cittadini riconobbero essere il Tau», e così cessò l’epidemia.

Nel 1212, tre anni prima del Concilio Lateranense, al tempo di san Francesco, il Tau fu il simbolo scelto per la crociata dei bambini: prova questa del valore effettivo di questa bandiera e del suo potere ammaliatore.

Anche san Francesco adottò questo simbolo come «stemma». Anche lui attraverso questo segno fece dei miracoli «Nella città di Cori, nella diocesi di Ostia, un uomo aveva perduto completamente l’uso di una gamba… Il santo apparve all’uomo che non poteva dormire. Toccò la parte sofferente con un bastoncino, che recava su di sé il segno del Tau. Subito si ruppe l’ascesso e, ricuperata la salute, fino ad oggi è rimasta impressa in quella parte il segno del Tau (3Cel 159:980). Ma in san Francesco la spiritualità del Tau è molto più ricca e molto più profonda.

 

5.      Spiritualità del Tau

Analizzando il contenuto spirituale del Tau in san Francesco, se ne ottengono quattro grandi temi essenziali per la sua fede e per la sua mistica.

a)   Il Tau è salvezza. Nessuno può essere salvato se non è segnato con il Tau. Quando Francesca vedeva questo segno, riceveva una nuova certezza della sua salvezza. Il giorno nel quale egli s’accorge che frate Leone è assalito dal dubbio sul suo destino eterno, Francesco disegna la lettera Tau e gli restituisce la speranza. L’autore del Sacrum Commercium ha colto molto bene quest’aspetto della prospettiva francescana quando fa dire a madonna Povertà: «Quando Gesù salì al cielo, a te lasciò il sigillo del regno dei cieli (il Tau) per segnare gli eletti… perché nessuno può entrare nel regno, se non porta impresso il tuo sigillo» (SCom 21:1979).

b)  Il Tau è salvezza attraverso la Croce. Per essere salvato, è necessario essere battezzato nel sangue di Cristo, sparso sulla Croce. Tale è il mistero che ogni croce e ogni segno del Tau richiamano per san Francesco e per i suoi compagni. Per questo essi recitavano la preghiera: Ti adoriamo o Cristo… e ti benediciamo, perché con la tua santa croce hai redento il mondo». La stessa cosa facevano «dovunque capitava loro di vedere una croce o una forma di croce per terra, sulle pareti, tra gli alberi,, nelle siepi» (1Cel 45:399.401) La spiritualità del Tau, dunque, altro non è che la spiritualità della croce, cioè dell’amore di Cristo, morto per noi sulla croce. Il libro dell’Esodo richiamava a Francesco l’agnello pasquale il cui sangue designava un Tau salvatoti sugli stipiti delle case ed è per questo che egli stesso segnava i muri delle celle dei frati.

c)   Il Tau è salvezza attraverso la penitenza. Se la croce ci ha acquistato salvezza una volta per tutte, noi dobbiamo rinnovare in noi quotidianamente questo mistero; noi dobbiamo «portare ogni giorno la santa croce del Signore nostro Gesù Cristo» Am 4,8:154). Questa è la crociata del Tau predicata da san Francesco, crociata composta non di soldati armati per conquistare Gerusalemme, ma crociata di uomini  penitenti, venuti d’Assisi per predicare a tutti: «Fate penitenza, fate frutti degni di penitenza!» (Rnb 21,3:55; 2 Lf 25:190). E qui la spiritualità del Tau raggiunge la spiritualità della sequela Christi. Gesù aveva detto: «Chi vuole seguirmi deve portare la croce»; san Francesco capisce: «Chi vuole seguirmi deve essere segnato con il Tau, che ha la forma di croce>. Egli avrebbe voluto arrivare fino al martirio pur di essere segnato con il Tau di sangue. Egli lo sarà con le stimmate.

d)  Il Tau è segno di vita e di vittoria. Egli è dunque sergente di gioia. Ecco il segreto profondo della gioia si Francesco. La liturgia del suo tempo attribuiva alla lettera Tau i medesimi attributi che venivano dati alla croce: «Est Tau vivifico insignitus… Crucifixi servulus». Questa strofa potrebbe essere applicata a Francesco. La predicazione del suo tempo parlava anche del Tau come di un labarum, segno di vittoria. Con san Paolo san Francesco non avrebbe potuto non cantare la sua gioia d’essere stato salvato: «Io non mi voglio gloriare se non nella croce del nostro Signore» (Fior 8:1936).

 

6.      L’Apocalisse

C’è un libro del Nuovo Testamento che parla del Tau senza pronunciare il nome: il libro della Apocalisse che presenta gli eletti come coloro che sono segnati sulla fronte dal sigillo dell’Agnello (7,2; 14,1-7). Questo sigillo viene impresso da un angelo che viene dall’Oriente.

San Francesco è stato colpito da questi testi? Ha scoperto delle luci per la sua missione, per la sua crociata del Tau e della penitenza? È possibile che ciò non possa essere provato da fonti scritte. Non lo si può dedurre dall’uso che ne fanno san Giovanni e san Francesco – 22 volte nelle sole Ammonizioni – dell’espressione «servitori di Dio» per indicare da una parte i penitenti segnati del Tau, dall’altra i frati minori.

Ciò che è certo, in ogni caso, è che questo testo è stato spesso applicato, e talvolta in modo abusivo, a san Francesco, come se san Giovanni avesse avuto in mente di parlare personalmente di san Francesco, mentre parlava dell’angelo che viene dall’Oriente. Una tale interpretazione riscuoteva il pieno favore nella cerchia dei gioachimiti. Accontentiamoci qui di accennare all’allusione (dove si trova più che un gioco di parole tra Assisi e Oriente) che si trova nella Divina Commedia per alludere a san Francesco nell’Angelo che viene dall’Oriente: «… chi d’esso loco fa parole/non dica Ascesi, ché direbbe corto,/ma Oriente, se proprio dir vuole» (Dante, Par. XI, 52-54: 2106).

Conclusione

L’iconografia del Tau è abbondantissima. Innanzitutto non si può passare sotto silenzio la rappresentazione più preziosa e commovente, quella di Greccio: nella grotta in cui Francesco ha celebrato la natività del Signore, un artista ha perpetuato la memoria di questo avvenimento. Sulla casula del sacerdote ha dipinto un bel Tau grande. E il celebrante era probabilmente frate Leone, quel frate Leone al quale san Francesco aveva indirizzato la sua benedizione, contrassegnata dal Tau.

È anche interessante ricordare (per il suo rapporto con la vita di san Francesco) l’unica provincia dell’Ordine che ha per sigillo il Tau: la Corsica, lo storico Gonzaga si fa portavoce di una tradizione immemorabile secondo la quale san Francesco, tornando dal Marocco, attraverso la Spagna, prese la strada del mare e fece il primo scalo in Corsica; ivi egli lasciò alcuni frati; l’ex generale Giovanni Parenti vi giunse nel 1233. Da questo tempo darebbe l’adozione del Tau come sigillo del convento di Calvi e di tutta la provincia della Corsica.